Per gli amici dell’Unione ex-Allievi

Per gli amici dell’Unione ex-Allievi

Pasqua 2007

Cari amici,

penso di far cosa gradita ed utile ,nel farvi gli auguri di S. Pasqua , offrirvi un piccolo omaggio , in anteprima .

Vuole anche essere il tentativo di un piccolo ……aiuto a un eventuale , comprensibile calo della nostra memoria.

Se ritenete che possa effettivamente essere utile , specialmente ai più anziani , fate avere al nostro Presidente le vostre critiche migliorative ,sostitutive o integrative che ritenete opportune , prima della stesura definitiva.

Per esempio mancano i canti di accompagno per la S.Messa ,che andrebbero , credo , concordati con il Parroco . Che ne pensate ?

Di nuovo tanti cordiali auguri a voi e ai vostri cari .

Fraternamente in D.Bosco

Annunci

Lettera al Presidente Unione ex Allievi

Preg.mo dott.A. C.

Presidente Unione ex Allievi S.Cuore

 

Caro Presidente.

Ancora complimenti per la tua relazione esauriente ed equilibrata .

Ti confesso che mi attendevo notevoli interventi oltre al mio, così come mi facevano ritenere gli esiti del dibattito condotto in precedenza da Don C. e la presenza in sala di amici di notevole cultura ed esperienza. Ed io ci son cascato facendomi trascinare da un ingenuo entusiasmo e facendo in sostanza la figura del …..pierino!

Spiace comunque dover constatare che nonostante la Buona Notte del Rettor Maggiore fosse stata pubblicata anche su “ In Cordata “ ( oltre che su “Voci Fraterne” ) i suoi contenuti non abbiano suscitato quella attenzione che a mio parere meriterebbero .

A proposito, è possibile conoscere se nelle altre Unioni romane si è dato risalto in qualche modo a tale importante documento ? E in che modo ?

E’ chiaro che un dibattito andrebbe comunque fatto ,e che esso andrebbe approfondito nelle sedi competenti ; in tal caso esso andrebbe in qualche modo avviato e opportunamente programmato, coinvolgendo senz’altro anche Don C.,se fosse disponibile .

A) In tale ottica ho apprezzato la saggia e pacata replica del nostro Delegato prof. C., che rappresenta nell’Unione la Famiglia Salesiana, il quale però su questo tema in particolare mi è sembrato un po’ sul vago : comprensibilmente, io penso .

Ho invece molto apprezzato le critiche alle mie proposte sulle adozioni a distanza pro-Madagascar : molto sagge , realistiche e giuste . Si potrebbero però trovare forme alternative che consentano il loro superamento quali ad esempio la costituzione di borse di studio da parte della nostra Unione, con funzione di eventuale supplenza in caso di cessazione del primo promotore o mediante assunzione diretta degli oneri relativi o creando una Fondazione ad hoc e simili, quotando in apposito fondo i soci che volessero aderire. Se ne potrebbe riparlare anche per trovare, volendo , forme più idonee.

B) Condivido anche i rilievi garbati circa le altre mie….pirotecniche proposte di attività : certo se si entra nell ‘ordine di idee di realizzarne qualcuna, vanno fatti uno o più programmi specifici precisando oltre al che cosa, anche il come , il quando ,il quanto ,il dove ,con quali risorse ,con quali impegni e da parte di chi e come !

Dico questo nella presunzione di una normale dialettica collaborativa; se così non fosse sarebbe il caso di mettersi da parte, chiedendo scusa per aver osato .

Intanto mi congratulo e mi rallegro per l’iniziativa intrapresa per l’insegnamento della lingua italiana agli extracomunitari. Ottima iniziativa che meritava comunque almeno un cenno nella tua relazione.

Salvo non mi sia sfuggita ! Nel qual caso faccio umile ammenda . Sono iniziative meritevoli di cui essere fieri e di cui dare contezza! Anche per quella “ visibilita’ “ di cui parla il Rettore Maggiore . Ce ne sono forse anche altre in atto, che io ignoro , e che meriterebbero pari attenzione?

C) E a proposito di visibilità, è possibile l’adozione di una qualche forma di riconoscimento reciproco ? Anche perché taluni di noi per ragioni varie ,a cominciare da me ad esempio, non sempre sono in sintonia con la messa a fuoco e con la memoria . Ed inoltre la presenza di gentili signore, graditissime peraltro per la loro amabilità, può creare un qualche imbarazzo non potendosi discernere subito se si tratta di soci o di familiari. Infatti sono ammessi alla nostra Unione anche soci femminili quali ad esempio ex allieve delle FMA? O comunque anche solo familiari di Soci ?

Dico questo perché mi sono trovato a pranzo allo stesso tavolo con una gentilissima signora estremamente amabile, che tra l’altro somigliava ( e non vorrei sbagliarmi )ad una nota parlamentare. O ero io , fuori posto , in un tavolo sbagliato ?

Basterebbe la messa a disposizione in sede di un semplice elenco, senza far ricorso eventualmente ad un più utile badge !

D ) Ed infine. Non so se lo hai notato anche tu: al termine del canto a chiusura della S. Messa , qualcuno ,mi sembra sia stato lo stesso Celebrante, ci esortò , fra il serio ed il faceto, a prepararci un po’ meglio le parole per la prossima occasione !

Ben a ragione : infatti la memoria dei più di noi comincia ormai a fare talvolta cilecca e non sempre ricordiamo bene le parole dei nostri canti. Ci sarebbe bisogno di una qualche guida o pro-memoria ad ausilio!

Si potrebbe cominciare a pensare ad un qualche opuscoletto tascabile che ci possa essere di aiuto nelle cerimonie religiose?

Detto tascabile, poco ingombrante, porterebbe sul frontespizio l’immagine di Don Bosco. In seconda pagina sotto il titolo “ Chi siamo ? “ gli articoli uno e due del Regolamento della Federazione. A pagina tre le “ Esortazioni di Don Bosco “ tratte dal Proemio del Regolamento predetto. A pagina quattro la “ Preghiera dell’ex-Allievo “, di cui io ignoravo finora l’esistenza e che mi sembra così bella ed attuale !

Nelle pagine centrali, “Guida alla S.Messa“( da formulare in collaborazione con la Parrocchia ) si porrebbero in particolare evidenza le parti più rilevanti della liturgia (in specie Gloria,Credo,Sanctus,Pater ),quelle dialoganti e i canti comuni di accompagno dei vari momenti della celebrazione eucaristica.

Da ultimo una sezione andrebbe dedicata alle nostre preghiere , tratte in gran parte dal Giovane Provveduto (al mattino,ai pasti,al lavoro,alla sera; atto di contrizione ) e alle speciali devozioni ( Ave Maria , Padre nostro ,Santo Rosario,Primo Venerdì del mese , Preghiere per i Defunti ). A chiusura un ‘altra sezione, l’ultima , dovrebbe essere dedicata a “ I nostri Canti “ quali ad esempio : E’ l’ora che pia , Salve Regina , Ausiliatrice, Vergine bella ; Giù dai colli, Don Bosco la gloria dei cieli ti cinge , e simili.

Sto cercando di abbozzare un modellino per mio uso. Ma se Tu ed il Consiglio riteneste la cosa utile e fattibile per tutti , si potrebbe affidare la redazione definitiva della bozza ad un apposito gruppo di lavoro ,il quale dovrebbe poi acquisire il benestare , ritengo del sig. I. , per averne l’autorizzazione alla stampa .

Questa poi potrebbe anche consistere in un supplemento speciale del giornale In Cordata. Nel qual caso, ove per la stampa emergessero oneri aggiuntivi, sappi che nei limiti del ragionevole e delle disponibilità, avresti fin da ora la mia collaborazione.

Ti chiedo scusa se Ti ho tediato. Un abbraccio fraterno.

P.S .

A – Se quanto sopra esposto , in tutto o in parte, non va , ti prego di cestinare . Non mi offendo .

B – Copia di questa lettera, sto inviando anche a Pietro che ritengo , per la sua saggezza ,la mia guida in questa che ritengo la mia ultima esperienza.