Per una nuova Amministrazione Pubblica!

Parlando di Riforma della Pubblica Amministrazione ,si pone spesso l’accento ( da parte di studiosi , di opinionisti e non solo ,talvolta anche straparlando e mettendo tutti in un fascio ), sui “fannulloni” di Jachino e sugli inefficienti ed improduttivi di Montezemolo!

E’ necessario partire anzitutto , come premessa naturale , da alcune elementari considerazioni sui contenuti di alcuni articoli della nostra Costituzione, sul loro valore , sulla loro portata e su un loro logico collegamento o connessione , anche se a prima vista sembrerebbero del tutto scollegati.

Sono articoli in cui si fa riferimento , più o meno esplicitamente , e con sfumature diverse,al termine Nazione , al suo concetto, e quindi ai relativi contenuti.

Andiamo, grezzamente , per ordine numerico

All’art.9 , per cominciare ,si fa obbligo espressamente alla Repubblica di tutelare il paesaggio ed il patrimonio storico ed artistico della Nazione .. .

All’art. 16 poi si parla propriamente di territorio nazionale ,e cioè della Nazione . ( nella fattispecie si sarebbe più propriamente potuto parlare di territorio della Repubblica , come si fa nell’ultimo comma ,o anche di Paese !)

All’art.67 viene proclamato solennemente che ogni Membro del Parlamento rappresenta la Nazione.

All’art.87 viene sancito che il Capo dello Stato rappresenta la unità nazionale , e cioè l’Unità della Nazione.,

All’art.98 infine viene altresì proclamato e sancito che i pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione !

Una prima considerazione : Quale il reale contenuto ,quale il valore e la portata dell’art.98 della Costituzione ?

Quale la importanza e la rilevanza di una necessaria e specifica formazione degli operatori della P.A. e di una conseguente applicazione concreta e razionale in funzione del servizio esclusivo della Nazione?

Quanti hanno fatto caso o notato che grazie alla portata dell’art.98 della Costituzione i pubblici impiegati, pur nelle differenti funzioni , sono posti moralmente ed operativamente , di fronte alla Nazione e in funzione di Essa e della necessità della sua esistenza , sullo stesso piano dei Parlamentari eletti che LA rappresentano ( art.67 ,) ,del Capo dello Stato che NE rappresenta l’Unità , e NE è quindi il Supremo Garante, ( art.87 ) ; costituendo in tal modo tre fondamentali cardini della vita della Comunità nazionale, insieme con loro , i pubblici impiegati , che NE sono i Servitori Esclusivi?

Ci deve essere allora un perchè se i Padri Costituenti hanno sanzionato un tale collegamento funzionale ( il Supremo Garante , il PopoloSovrano. I Servitori Esclusivi ) dandogli rilievo costituzionale e pari dignità!

MA ALLORA COSA E “NAZIONE”?

Tentiamone un primo approccio .

Nel termine Paese , a mio modesto parere ,emerge una accezione di natura geo-politica : Territorio, Popolazione, Ordinamento .

Nel termine NAZIONE credo emerga invece una accezione molto più vasta e penetrante, di natura socio-politica .

Nella Costituzione , lo abbiamo notato , viene usato , il termine NAZIONE , all’art.9 per affermare che la Repubblica tutela il paesaggio ed il patrimonio storico ed artistico della Nazione ; all’art.67 per proclamare che i Membri del Parlamento rappresentano la Nazione ; all’art. 87 che il Capo dello Stato rappresenta l’ UNITA’ NAZIONALE e cioè della NAZIONE

Emerge quindi essenzialmente da quanto sopra che è il POPOLO , non la popolazione , che sta al centro del concetto di Nazione .
E’ il Popolo : quale soggetto titolare , nel suo perenne divenire , nel suo passato , nel suo presente , nel suo futuro ,di un complesso patrimonio storico, linguistico,culturale ,artistico, religioso , ambientale , di quel complesso di tradizioni che lo caratterizzano e che fanno sì che Esso Popolo sia quel Popolo e non altri ; ma che è anche ed insieme titolare e portatore di un complesso di bisogni e di frustrazioni , di speranze, di esaltazioni e di aspirazioni che ne scandiscono il perenne divenire !

Tutto questo è NAZIONE e tutto questo e ciò al cui servizio esclusivo sono posti , e debbono provvedere con il loro impegno lavorativo quotidiano, gli Impiegati Pubblici ,esaltando il loro Spirito di Servizio ed essendone anche orgogliosi

Che cosa è NAZIONE

Che cosa è Nazione .

Nel termine Paese emerge una accezione di natura geo-politica: territorio ,popolazione, ordinamento

Il termine Nazione è invece molto più vasto e penetrante , di natura socio-politica .

Nella Costituzione italiana viene usato il termine di Nazione all’art.9 per affermare la tutela del paesaggio e del patrimonio storico ed artistico , all’art. 67 per proclamare che Essa è rappresentata dai membri del Parlamento , all’art. 87 per proclamare che il Capo dello Stato rappresenta l’ unità  nazionale e infine proprio all’art. 98 per sottolineare solennemente che i Pubblici Dipendenti sono al servizio esclusivo della Nazione !

E’ quindi il Popolo , non la popolazione,che essenzialmente emerge ed è al centro del termine Nazione , quale soggetto titolare , nel suo perpetuo e perenne divenire , nel suo passato , nel suo presente e nel suo futuro, di un complesso patrimonio storico ,linguistico, culturale ,artistico, religioso ,di quel complesso di tradizioni che lo caratterizzano e che fanno sì che esso Popolo sia quel Popolo e non altri ; ma che è anche ed insieme titolare di un complesso di bisogni, di esigenze e di frustrazioni, di speranze e di esaltazioni che ne scandiscono i momenti storico-evolutivi.

Questo è Nazione e questo è ciò al cui servizio esclusivo è posto soprattutto il Dirigente!

Santo Ch (01/03/2008)